Informazioni

Palazzo Marone - sede della biblioteca La Biblioteca nasce nel 1965 con un lascito al comune di Monte San Giacomo di un fondo librario e del palazzo in cui esso era collocato, da parte dell´ispanista e fondatore della casa editrice "La Diana" Gherardo Marone. Per molto tempo la biblioteca è rimasta un´entità fantasma, ma una recente politica culturale ha prodotto un rinnovato interesse dell´opinione pubblica, una maggiore sensibilità e l´ attenzione da parte degli enti locali che cercano di recuperare il tempo perduto. Infatti, se le amministrazioni si erano finora sempre disinteressate del fondo e del palazzo, che ha risentito pesantemente del terremoto del 1980, dal 1995 il comune ha avviato una politica di recupero sia del palazzo che del materiale librario in esso contenuto.
Con dei finanziamenti regionali, il palazzo è stato restaurato insieme agli arredi e i libri sono tornati sugli scaffali. Grazie all´opera della Cooperativa PARADHOSIS, il patrimonio librario è stato catalogato e sistemato in modo da poter essere fruito dagli utenti in modo specifico ed articolato.
Il 13 ottobre 2011, con delibera n.30 del Consiglio Comunale la sala lettura della biblioteca "Gherardo Marone" è stata intintolata al prof. Raffaele Cancro, uomo di indiscusso spessore culturale, che con la sua straordinaria opera svolta nei Centri U.N.L.A. ha contribuito a combattere l´analfabetismo, l´arretratezza culturale e sociale degli anni ´50.

lettera di Giorgio Napolitano